Come presentare al meglio la tua casa in vendita

1

Può sembrare scontato ma, proprio come avviene per le persone, la prima impressione è quella che conta anche quando si visiona un immobile che si intende acquistare. L’acquisto di una casa è un investimento che non si fa tutti i giorni, e spesso chi lo fa cerca l’affare, sperando di trovare l’immobile ideale a poco prezzo.
Per questo motivo è importante presentare la propria casa al meglio, cercando di risaltarne i pregi e nasconderne i difetti. Facile a dirsi e, con qualche piccolo accorgimento anche nella pratica.
Puoi riuscirci senza spendere molto e con un po’ di attenzione ai dettagli: ecco qualche consiglio.

Pulizia e manutenzione

Un immobile è più bello da vedere se pulito. Scontato? Forse si, se si tratta della casa in cui vivi per cui è più facile dare una riordinata prima che si presenti il possibile acquirente.
Se invece si tratta di un immobile nel quale non abiti da molto tempo è molto più probabile che la polvere riesca a prendere il soppravento. Per questo motivo cerca di presentarlo pulito e possibilmente sgombro di eventuali pacchi o cartoni. Una casa disordinata, che dia l’idea di essere abbandonata a sè stessa, certo non invoglia all’acquisto.
Lava il pavimento, e se possibile dai anche una lucidata. Un pavimento curato dà luminosità alla stanza oltre a donare una sensazione di igiene e benessere. Non sottovalutare l’idea di una verniciata di bianco alle pareti e ai soffitti specie se ingialliti dall’usura del tempo: anche in questo caso il tuo immobile ne guadagnerebbe in luminosità con una piccola spesa. Sostituisci le vecchie lampadine con delle nuove magari con luce bianca e cerca di usare delle tende chiare: una casa luminosa è sicuramente una casa più accogliente e dà l’idea di essere più grande di quello che è realmente.
Controlla se persiane, porte e finestre si chiudono regolarmente e, se la spesa non è eccessiva, ritingile e riparale in caso di eventuali rotture o cigolii prima di far visionare l’immobile. Elimina i vecchi tappeti specie se logori o macchiati e dai una bella pulita soprattutto alla cucina e al bagno: piastrelle e rubinetti dovranno essere splendenti!
Elimina dalla casa qualunque cattivo odore, specialmente quello di animali: aiutati con dei deodoranti o degli assorbi odori.

Non esagerare con i mobili!

Tieni conto che chi verrà a vedere la casa vorrà innanzitutto sentirla sua: di conseguenza avrà bisogno di giocare con gli spazi per immaginarne l’arredo: cosa che non potrà essere possibile se le stanze sono piene di mobili. Un mobilio eccessivo potrebbe inoltre dare l’idea di stanze troppo piccole anche se in realtà non è così.
E’ consigliabile sottolineare di poter ricavare piccoli spazi da zone che sembravano morte: un ripostiglio diventato in poche mosse uno studiolo per i bambini, un angolo per la lettura, una nicchia dove riporre i libri ecc.
Riordina al meglio eliminando le cose inutili: evita di lasciare in giro vecchi libri, giocattoli, attrezzi che non usi più cercando così di non farla sembrare più un vecchio deposito piuttosto che un’abitazione.

Non far mancare un tocco “green”

Se possibile cerca di abbellire il balcone con delle belle piante magari con fiori colorati, riempi eventuali angoli vuoti con delle piante da interno, sistema una composizione all’entrata, nella zona giorno o in camera da letto.

L’esterno

Cerca di dare una buona impressione sin dall’inizio: un acquirente entrerà malvolentieri (o si rifiuterà di entrare) in una casa che già dall’esterno sembra non curata. Pulisci bene la porta d’ingresso e se necessario, riparala. Lava bene le finestre e sostituisci il vecchio zerbino. Anche in questo caso una bella pianta può dare quel tocco di eleganza che non guasta mai.

Se proponi la tua casa nel modo migliore, sfruttando ogni angolo al massimo e giocando con la luce, potrai anche guadagnarci qualcosa in più sul prezzo di vendita evitando che l’acquirente proponga un prezzo più basso rispetto alla richiesta magari con la scusa di dover effettuare delle ristrutturazioni che comportano un’ulteriore spesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *